ALE E CRI - 180°

La storia

Altro ambigramma per la mia dolce metà! Bisogna ammettere che i nostri nomi si prestano proprio a questi giochi (vedi anche qui). Sarà un caso? Un segno del destino? E' bello pensare di sì! In realtà qui si tratta solamente di un ambigramma ripetuto, infatti "ALE" ruotato diventa "CRI". L'idea di unirli è in "ALECRI" è stato dettato solamente dalla bellezza di vedere in contemporanea (quindi senza la necessità di girare) i nostri nomi. Dopo aver scritto il mio nome su carta ho cominciato a cercare le somiglianze con "CRI". La prima che ho visto è stata notare che il tratto destro della "A" e l'asta verticale della "L" potevano benissimo fungere, una volta ruotate, da gambe della "R". Poi immeditamente notai che così facendo il ramo sinistro della "A" si sposava perfettamente con la "I". Per rendere, però, più chiara quest'ultima lettera ho deciso di metterle sopra il pallino. A questo punto rimaneva la "E"... In realtà trovare la curvatura giusta per farla sembrare anche una "C" mi ha richiesto parecchio tempo ma, una volta scovata, è bastato aggiungere le stanghette della "E" e il gioco era fatto... Per essere sinceri ho creato 6 soluzioni diverse di queste gambette: una però era troppo bombata, l'altra troppo poco, quell'altra troppo squadrata ecc... ecc... Come sempre mi sono affidato al caso! Dopo qualche linea a casaccio quella che ora vedete mi ha convinto al 100%. Il corpo dell'ambigramma c'era...ora era necessario completarlo! Per prima cosa ho notato che, se incurvata nel modo giusto la stanghetta centrale della "A" poteva fungere da parte inferiore della bombatura della "R". Perfetto...ma ora? Come completare la "R"? Come fare la parte superiore? Anche qui ci ho speso un po' di tempo, ho fatto diverse prove, per poi convincermi che potevo far finta di far rimbalzare la pallina della "I". Questa traiettoria ha così aggiunto la parte superiore alla "R", terminandola. Ambigramma finito! Yessss!!!

Scrivi commento

Commenti: 0

La storia

Altro ambigramma per la mia dolce metà!

Bisogna ammettere che i nostri nomi si prestano proprio a questi giochi (vedi anche qui).

Sarà un caso? Un segno del destino? E' bello pensare di sì!

In realtà qui si tratta solamente di un ambigramma ripetuto, infatti "ALE" ruotato diventa "CRI". L'idea di unirli è in "ALECRI" è stato dettato solamente dalla bellezza di vedere in contemporanea (quindi senza la necessità di girare) i nostri nomi.

Dopo aver scritto il mio nome su carta ho cominciato a cercare le somiglianze con "CRI".

La prima che ho visto è stata notare che il tratto destro della "A" e l'asta verticale della "L" potevano benissimo fungere, una volta ruotate, da gambe della "R".

Poi immeditamente notai che così facendo il ramo sinistro della "A" si sposava perfettamente con la "I". Per rendere, però, più chiara quest'ultima lettera ho deciso di metterle sopra il pallino.

A questo punto rimaneva la "E"...

In realtà trovare la curvatura giusta per farla sembrare anche una "C" mi ha richiesto parecchio tempo ma, una volta scovata, è bastato aggiungere le stanghette della "E" e il gioco era fatto...

Per essere sinceri ho creato 6 soluzioni diverse di queste gambette: una però era troppo bombata, l'altra troppo poco, quell'altra troppo squadrata ecc... ecc...

Come sempre mi sono affidato al caso! Dopo qualche linea a casaccio quella che ora vedete mi ha convinto al 100%.

Il corpo dell'ambigramma c'era...ora era necessario completarlo!

Per prima cosa ho notato che, se incurvata nel modo giusto la stanghetta centrale della "A" poteva fungere da parte inferiore della bombatura della "R".

Perfetto...ma ora? Come completare la "R"? Come fare la parte superiore?

Anche qui ci ho speso un po' di tempo, ho fatto diverse prove, per poi convincermi che potevo far finta di far rimbalzare la pallina della "I". Questa traiettoria ha così aggiunto la parte superiore alla "R", terminandola.

Ambigramma finito! Yessss!!!