CORRADO, GABRIELLA, ALESSANDRO - oscillante + figura/sfondo

La storia

Questo ambigramma è oscillante. Questo significa innanzitutto che non si ruota, ma che le lettere si possono leggere sia in un modo che in un altro in base a come è settato il nostro cervello. Sembrerà strano ma c'è chi legge prima Gabriella e chi legge prima Corrado. Perchè? Nessuno lo sa, ma se volete aver un'altro esempio di come sia settato il nostro cervello potete cercare su internet l'illusione della ballerina che gira. Per qualcuno essa girerà insenso orario, mentre per altri in senso antiorario. Chi ha ragione? Entrambi! Lo stesso principio vale qui. Alcuni vedranno alcune lettere e altri altre. Io vi posso guidare dicendovi che l'ho creato apposta per far leggere entrambi i nomi. Quindi tranquilli se ne vedete uno ma non l'altro, bisogna solo resettare il cervello per vedere l'altro. Altra cosa supplementare e che aggiunge una difficoltà maggiore (e anche di molto) alla realizzazione è il fatto che oltre ad essere oscillante sia anche figura/sfondo. Nello sfondo della scritta, ossia nella parte bianca tra una lettera e l'altra, si può leggere il mio nome: Alessandro. Questo ambigramma è nato per sottolineare il fatto che i miei genitori ed io saremo sempre legati l'uno all'altro!

Scrivi commento

Commenti: 0

La storia

Questo ambigramma è oscillante. Questo significa innanzitutto che non si ruota, ma che le lettere si possono leggere sia in un modo che in un altro in base a come è settato il nostro cervello. Sembrerà strano ma c'è chi legge prima Gabriella e chi legge prima Corrado. Perchè? Nessuno lo sa, ma se volete aver un'altro esempio di come sia settato il nostro cervello potete cercare su internet l'illusione della ballerina che gira. Per qualcuno essa girerà insenso orario, mentre per altri in senso antiorario. Chi ha ragione? Entrambi! Lo stesso principio vale qui. Alcuni vedranno alcune lettere e altri altre. Io vi posso guidare dicendovi che l'ho creato apposta per far leggere entrambi i nomi. Quindi tranquilli se ne vedete uno ma non l'altro, bisogna solo resettare il cervello per vedere l'altro. Altra cosa supplementare e che aggiunge una difficoltà maggiore (e anche di molto) alla realizzazione è il fatto che oltre ad essere oscillante sia anche figura/sfondo. Nello sfondo della scritta, ossia nella parte bianca tra una lettera e l'altra, si può leggere il mio nome: Alessandro.

Questo ambigramma è nato per sottolineare il fatto che i miei genitori ed io saremo sempre legati l'uno all'altro!